Donazioni di materiale bibliografico e documentario

Il Servizio Biblioteche Civiche ha tra le forme di incremento delle raccolte anche le donazioni e i lasciti testamentari di materiale bibliografico e documentario (libri, periodici, documenti multimediali, documenti archivistici) da parte di privati cittadini o di enti.
Le biblioteche del Servizio accettano dunque volentieri il dono di materiale che possa entrare utilmente a far parte del loro patrimonio ed effettuano una selezione dei doni proposti secondo i seguenti criteri:

  • coerenza con le collezioni della biblioteca cui il dono è pertinente (in linea generale, non vengono accolti libri strettamente scolastici, se non di editori triestini o di autori locali)
  • adeguato stato di conservazione del materiale librario (non si accettano opere incomplete o in cattivo stato fisico)
  • adeguato stato di conservazione del materiale multimediale che deve essere in originale per obbligo di legge ed integro (CD, DVD, VHS in buono stato, sia per quanto riguarda il supporto sia il contenitore)
  • interesse bibliografico, archivistico, antiquario del materiale oggetto di dono
  • disponibilità nella biblioteca di spazi e risorse adeguate alla gestione e valorizzazione dei documenti.

Si ricorda che proposte di lasciti di archivi documentali e biblioteche vanno indirizzate esclusivamente alla Direzione del Servizio biblioteche Civiche presso gli uffici di via Madonna del Mare 13.

Criteri particolari per le donazioni

  • Biblioteca civica A. Hortis
    Accoglie pubblicazioni recenti e non recenti, anche già possedute, nel caso presentino caratteristiche di unicità (note manoscritte o dediche di personaggi della cultura, etc.) o siano edizioni di pregio. Viene dedicata particolare attenzione a doni che rappresentino memoria della e per la città: biblioteche di famiglia, raccolte librarie e documentali di personalità che hanno influito sulla vita culturale, sociale e istituzionale triestina, documenti e fondi di particolare valore storico-culturale.La Biblioteca Hortis in generale non accetta libri scolastici, se non di autori o editori locali.
  • Biblioteca Quarantotti Gambini e Biblioteca Stelio Mattioni
    Accolgono materiali adatti alla pubblica lettura, di recente pubblicazione, integri, in buono stato di conservazione. Accettano libri per bambini e ragazzi, materiale multimediale e pongono particolare attenzione a materiale specifico per disabili visivi (audiolibri ed edizioni a grandi lettere). Non accettano invece libri scolastici, enciclopedie e manuali datati, periodici.

Le biblioteche, sulla base dei criteri esposti, possono accogliere l’intero dono proposto o solo parte di esso, a meno che non si tratti di un dono che richieda per sua natura la conservazione unitaria (ad es. una biblioteca di famiglia che ne documenti la storia privata e la vitalità culturale o sociale in Trieste).

Nel momento in cui i documenti vengono accettati, entrano a far parte del patrimonio della biblioteca e sono sottoposti alla gestione ordinaria della biblioteca che li ha acquisiti (catalogazione, collocazione, restauro, dislocazione, scarto, ecc.).
Doni non accettati, a discrezione della biblioteca, possono venir messi a disposizione del pubblico negli appositi espositori nelle sedi delle tre biblioteche o essere destinati ad altre biblioteche, istituzioni ed enti.

Tesi di laurea o di dottorato
La biblioteca A. Hortis accoglie tesi di autori triestini o se trattano argomenti di interesse locale.
E’ possibile scaricare il modulo da allegare alla tesi [odt] [pdf].

Presentazione dell’offerta di donazioni

Prima di portare in biblioteca il materiale che si vuole donare, viene chiesto di presentare un elenco i in cui vengano indicati il titolo, l’autore (nel caso di documento multimediale, il regista, l’interprete, etc.) l’editore e l’anno di edizione dei singoli documenti.
L’elenco può essere compilato a mano presso la biblioteca, oppure il modulo può essere scaricato dal sito internet della biblioteca (o dalla Retecivica comunale www.retecivica.trieste.it nella sezione “come faccio per”) e inviato – compilato in tutte le sue parti – tramite e-mail o fax all’ufficio competente.
Nel caso in cui la quantità di materiale che si intenda donare sia ragguardevole, il personale della biblioteca è disponibile anche a effettuare un sopralluogo previo appuntamento.
In caso di accettazione, il donatore viene contattato per le modalità di consegna o di ritiro del materiale.

 

Offerte di doni non selezionate

In caso di omaggio bibliografico non pertinente le raccolte gestite e conservate dal Servizio biblioteche Civiche, recapitato tramite posta o corriere o senza previa presentazione dell’offerta, la biblioteca ricevente si riserva la possibilità di gestire il dono libera da vincoli nei riguardi del donatore.